Filosofia dell’enduro

Massime valide per l’enduro ma anche nella vita.

• L’ostacolo non è un problema. E’ uno stimolo.
• Devi sapere bene dove vuoi andare, ma essere anche pronto a cambiare direzione, se necessario.
• Guarda dove vai, perchè andrai dove guardi.
• Non sempre la strada migliore è nel solco tracciato dagli altri.
• Se pensi che non ce la fai, allora non ce la farai.
• Sii pronto ad aiutare gli altri. Non puoi abbandonarli per nessun motivo.
• Gli imprevisti sono la norma.
• Fatto un’ostacolo ce ne sarà sempre un altro.
• Quando ti alzi e ti senti distrutto, fatti forza e va incontro al tuo giorno, non tornare sui tuoi soliti passi, basterebbe un istante (E. Bennato).
• Il mulo più di tanto non può andare. Quindi è il cavallo che deve rallentare.
• Se sei incerto tieni aperto (classico).
• Non aver paura di cadere, tanto cadrai comunque.
• Anche i migliori cadono.
• Quello che ti sembra impossibile qualcun altro lo fa. Quindi: provaci.
• Chi si siede non sale. Stai su.
(ma anche, non importa come, basta che sali! m.c.)
• Se ti perdi non agitarti. Ragiona, piuttosto.
• Rispetta gli altri. Soprattutto chi non ti sopporta.
• Tenta nuove strade. Su quelle che fanno tutti, che gusto c’è ?
• Non c’è soddisfazione maggiore che scoprire una nuova “mula” che sbuca da qualche parte ! (P.B..)
• Finchè c’è strada c’è speranza !
• Se non sali riprova in altro modo. Non fare la buca.
• Il vero endurista va dove lo portano gli occhi e la mente. (R.P.)
• Se tutto va storto non insistere. Fermati, respira. Magari mangia.