I grandi

Se svolgi il cómpito presente seguendo la retta ragione, con impegno, con vigore, benevolmente, e non ti curi di alcun fatto accessorio, ma di mantenere il tuo demone nella sua purezza, come se da un momento all’altro dovessi restituirlo. Se ti attieni a questo principio senza attenderti o rifuggire nulla, pago invece del tuo attuale operato conforme a natura e della romana verità di ciò che dici ed esprimi, vivrai felice. E non c’è nessuno che possa impedirti di farlo.

Pensa a quelli che tu stesso hai visto perdersi dietro un’illusione e trascurare quello che si addiceva alla loro natura, anzichè perseguirlo tenacemente e farselo bastare….. Così eviterai il disgusto: se non ti occuperai delle inezie più del dovuto.

Il tempo è una specie di fiume degli eventi, una corrente impetuosa.

Una cosa, come la vedi, subito è portata via, un’altra ne arriva ed anche questa già si è persa.

Questo ha chiuso gli occhi all’amico e e subito dopo l’altro ha fatto a lui il funerale. E tutto in poco.

Insomma, le cose dell’uomo vanno considerate effimere e vili.

L’uomo, se ha fatto un favore, non lo grida in giro, ma pensa a farne un altro, come la vigna produce un nuovo grappolo ad ogni stagione.

Guarda le cose della vita: durano poco, valgono ancora meno.

Non è da stupidi montarsi la testa, affannarsi e lamentarsi , come se il tempo della sofferenza dovesse durare a lungo ?

Il modo migliore per vendicarsi è fare diversamente.

Alessandro il Macedone ed il suo mulattiere, morendo, fecero la stessa fine.

Spesso sbaglia chi non fa. Non solo chi fa.

E’ un lurido ipocrita chi dice “Ho deciso di essere sincero con te!” Che roba è ? Non c’è mica bisogno di dirlo !

                                                                                                                                  Cesare Marco Aurelio Antonino Augusto
                                                                                                                                  detto Marco Aurelio 121 d.c. – 180 d.c.


L’uomo veramente prudente non deve aspirare a una saggezza superiore alla propria sorte, ma fare buon viso all’andazzo generale e partecipare alle debolezze umane. Si dirà che questa è follia. Non lo negherò, purché mi si conceda che tale è la vita, la commedia della vita che stiamo recitando.

                                                                                                                                  Erasmo da Rotterdam 1467 – 1536


E intanto fugge questo reo tempo, e van con lui le torme delle core onde meco egli si strugge.
                                                                                                                                Nicolò Foscolo detto Ugo 1778 –  1827


Iustitia est constans et perpetua voluntas ius suum cuique tribuendi. Iuris praecepta sunt haec: honeste vivere, alterum non laedere, suum cuique tribuere

La giustizia consiste nella costante e perpetua volontà di attribuire a ciascuno il suo diritto. Le regole del diritto sono queste: vivere onestamente, non recare danno ad altri, attribuire a ciascuno il suo

                                                                                                                                  Eneo Domizio Ulpiano 170 d.c. – 228 d.c.


Aequam memento, rebus in arduis, servare mentem, non secus in bonis ab insolenti temperatam laetitia.

Ricordo di mantenere equilibrata la mente nei momenti difficili. Nondimeno, nei momenti buoni, una moderata gioia, lontana dalla insolenza.

Est modus in rebus . Sunt certi denique fines, quos ultra citraque nequit consistere rectum

C’è un modo di fare le cose. Vi sono determinati confini, al di là e al di qua dei quali non v’è correttezza.

                                                                                                                                  Quinto Orazio Flacco 65 a.c. – 8 a.c.